Un astrofisico sostiene di aver individuato il Pianeta Nove

0

Un oggetto misterioso avvistato a 32 miliardi di chilometri dalla Terra dagli astronomi nel 1983 potrebbe essere stato proprio l’inafferrabile Pianeta Nove

L’esistenza o meno del Pianeta Nove rimane una delle domande sul sistema solare più intriganti degli ultimi cinque anni. La risposta si è dimostrata elusiva. Ora, la comunità scientifica ha una nuova linea di indagine sull’elusivo oggetto spaziale: un nuovo studio rivela quelli che potrebbero essere gli indizi dell’esistenza del misterioso oggetto ipotetico.

Al di là del fantastico Pianeta Nove, ciò che è sorprendente in questo caso è che gli astronomi potrebbero aver osservato inconsapevolmente un tale pianeta già nel 1983, rivela un rapporto di Science Alert.

I dati di 38 anni fa potrebbero fornire indizi sull’inafferrabile Pianeta Nove
Un astronomo dell’Imperial College di Londra, Michael Rowan-Robinson, ha analizzato i dati delle osservazioni dell’Infrared Astronomical Satellite (IRAS) prese nel 1983 e sostiene che potrebbero contenere prove dell’elusivo Pianeta Nove.

Rowan-Robinson ha così analizzato i dati di 38 anni fa e ha trovato tre fonti infrarosse – ognuna delle quali è stata rilevata a un mese di distanza – che secondo lui potrebbero essere il mondo teorico. Secondo Rowan-Robinson, le tre osservazioni separate suggeriscono che si tratta di un singolo oggetto transitorio.

Il suo articolo sarà pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society ed è attualmente sul server arXiv preprint.

“Data la scarsa qualità delle rilevazioni IRAS, al limite del sondaggio, e in una parte del cielo che è molto difficile per le rilevazioni nel lontano infrarosso, la probabilità che il candidato sia reale non è schiacciante”, ha qualificato Rowan-Robinson, tuttavia.

“Tuttavia, dato il grande interesse per l’ipotesi del Pianeta 9, varrebbe la pena di verificare se un oggetto con i parametri proposti, e nella regione di cielo proposta, non è coerente con le effemeridi planetarie.

Forza gravitazionale anomala nella cintura di Kuiper a causa del Pianeta Nove

I sospetti sull’esistenza del Pianeta Nove (ex Pianeta X, come la lettera) hanno raggiunto un nuovo punto di interesse generale nel 2016 con la pubblicazione di un documento che propone nuove prove basate sull’osservazione di una forza gravitazionale anomala nella Fascia di Kuiper, un disco circumstellare nel sistema solare esterno oltre l’orbita di Nettuno.

pianeta nove
pianeta nove

La scoperta indicava strani piccoli oggetti nella Fascia di Kuiper, sollevando sospetti su un nuovo pianeta.

Tuttavia, Planet Nine rimane solo un’ipotesi. In questo senso, l’oggetto sfuggente potrebbe non esistere realmente, o potrebbe infatti, secondo una recente teoria, essere un piccolo buco nero.

Grande, lontano, il pianeta nove non ha luce solare

Coloro che ancora credono nell’ipotetico pianeta sospettano che potrebbe essere tra cinque e dieci volte la massa della Terra e orbitare ad una distanza tra le 400 e le 800 unità astronomiche. In altre parole, tra 400 e 800 volte la distanza tra la Terra e il Sole, secondo Science Alert. Inoltre, secondo Science Alert, il pianeta molto probabilmente non rifletterà molta luce solare.

In mezzo al crescente dibattito e alle schiaccianti possibilità, Rowan-Robinson propone poi ulteriori studi dinamici per verificare se un tale oggetto è coerente con le effemeridi di altri oggetti del sistema solare e se questo oggetto può spiegare il raggruppamento delle orbite dei pianeti nani della fascia di Kuiper.

Matteo Desimone per UfologiaNews

Riferimenti Universo7p

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.