lunedì, Febbraio 6, 2023
HomemisteriScoperto un cranio allungato di 2.000 anni fa con una placca metallica...

Scoperto un cranio allungato di 2.000 anni fa con una placca metallica impiantata

Scoperto un cranio allungato di 2.000 anni fa con una placca metallica impiantata

Secondo il Museum of Osteology dell’Oklahoma, il cranio, che fa parte della loro collezione, è quello di un uomo che è stato ferito durante una battaglia prima di essere sottoposto ad alcune delle prime forme di chirurgia per impiantare un pezzo di metallo nella testa per riparare la frattura.

È una chiara dimostrazione del progresso, o dello sviluppo, di cui hanno goduto molte delle antiche civiltà che hanno dominato vasti territori mesoamericani. Non sorprende, quindi, che ci siano così tante testimonianze della supremazia di questi popoli sugli altri.
È dunque interessante rivedere i dettagli di come il cranio di un guerriero peruviano di 2.000 anni fa sia finito con un impianto metallico. Perché è sorprendente che – secondo il rapporto dei ricercatori – il paziente sia sopravvissuto all’intervento, anche se all’epoca non esisteva l’anestesia che conosciamo oggi.

Chirurgia antica e avanzata su un cranio di 2.000 anni fa

Tutto sembra indicare che il guerriero peruviano sia stato ferito sul campo di battaglia, un forte impatto avrebbe causato la frattura del cranio. Per questo motivo l’uomo si sottopose a una forma di chirurgia molto avanzata per l’epoca, che consisteva nell’impiantare una placca metallica nella testa e correggere così la lesione.

cranio allungato con placca metallica
cranio allungato con placca metallica


Secondo gli esperti che hanno analizzato il cranio di 2.000 anni fa, l’operazione è stata un successo e il guerriero è sopravvissuto. Si basa sulla fusione tra l’osso rotto e la placca metallica impiantata.

L’esistenza stessa del cranio è una forte prova della capacità dei popoli antichi di eseguire procedure chirurgiche avanzate. D’altra parte, la deformazione è un chiaro esempio di modificazione corporea tipica di alcune tribù peruviane.

Secondo i documenti della storia peruviana relativi ai popoli antichi, era molto comune allungare il cranio in alcuni gruppi di persone. Di solito si procedeva applicando una forza, legando la testa con un panno e ponendola al centro di due pezzi di legno.

Durante il processo, i membri della tribù sceglievano i bambini per allungare intenzionalmente il loro cranio per lunghi periodi di tempo. Finora sono state documentate diverse ragioni che hanno spinto le antiche civiltà peruviane a eseguire questa procedura.

Una di queste è che coloro che sono stati selezionati per l’allungamento volontario del cranio sono entrati a far parte dell’élite della società. Occupavano posizioni di rilievo politico o come leader religiosi e spirituali della tribù.
In diversi scavi archeologici in Perù sono stati ritrovati crani di uomini e donne che hanno subito tale deformazione.

Per quanto riguarda il metodo di allungamento del cranio, uno studio recente afferma che diverse culture in tutto il mondo lo hanno praticato per migliaia di anni, tra cui i Maya e anche gli Unni. Per queste culture significava un simbolo di prestigio, uno status privilegiato.

Un trattamento salvavita!


Gli antichi peruviani avevano capito che la trapanazione cranica era un trattamento salvavita. Le prove trovate nel cranio allungato di 2.000 anni fa lo dimostrano e confutano la convinzione che sia stato fatto per qualsiasi altro scopo.
Nel caso particolare del guerriero peruviano, l’intervento è stato eseguito per correggere una frattura e non come semplice rituale per aumentare il tratto di coscienza. Questa era una pratica relativamente comune anche tra gli antichi popoli del Perù, come spiega John Verano, famoso antropologo fisico della Tulane University.

A quanto pare, all’epoca questo tipo di lesioni erano comuni, a causa dell’uso di proiettili come le fionde durante le battaglie.

È sorprendente sapere che il paziente è riuscito a sopravvivere all’intervento, perché all’epoca i medici non disponevano dei sofisticati metodi e materiali chirurgici di cui disponiamo oggi.

Secondo una recente ricerca su queste procedure, è stato stabilito che i chirurghi raschiarono il cranio praticando un foro nell’uomo vivo, senza tecniche sterili o anestesia. Ma al di là di considerarlo un atto disumano o barbarico, è un segno del progresso nel campo della scienza che le società antiche avevano.

di Ufologianews

Massimo Desimone
Massimo Desimonehttps://ufologianews.com
Specializzato nel campo dell'ufologia e nel paranormale con una esperienza di 15 anni sul campo dei Misteri.
Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News