LA CITTÀ DEI RETTILIANI SOTTO LOS ANGELES

0

LA CITTÀ DEI RETTILIANI : QUANDO WARREN SHUFELT ALLA RICERCA ORO E ALTRI MINERALI A LOS ANGELES INCAPPÒ ACCIDENTALMENTE IN UNA COSIDDETTA “CITTÀ RETTILIANA SOTTERRANEA”.

Cosa c’è di vero nella scoperta di una città sotterranea abitata dai rettiliani sotto Los Angeles? Era il 1933, quando l’ingegnere Warren Shufelt utilizzò un dispositivo da lui inventato per effettuare ricerche nel terreno. Il suo obiettivo era il petrolio, l’oro o qualsiasi tipo di materiale prezioso.

Tuttavia, da un momento all’altro, lo strumento inizia a mostrare una serie di “vuoti” sotto terra. Si rese subito conto che si trattava di una rete di gallerie sotterranee, quindi non perse tempo a disegnare una mappa del suo ritrovamento.

Shufelt sosteneva che alcuni dei tunnel sottoterra erano lunghi fino a 20 miglia. All’inizio pensava che fossero tubi di ventilazione.

Tuttavia, non ha mai pensato che questi tunnel si collegassero a una città molto più grande, sommersa sotto l’Oceano Pacifico migliaia di anni fa, durante un terribile terremoto e le successive inondazioni.

SHUFELT E LE STORIE RACCONTATE DAL CAPO TRIBÙ HOPI, GREEN LEAF

Secondo ulteriori ricerche e dalle storie raccontate dal capo tribù, il complesso scoperto da Shufelt è stato utilizzato come struttura d’emergenza 5.000 anni fà per sfuggire ad un’intensa pioggia di meteoriti o ad una guerra fra razze aliene in superficie , e sempre secondo le ricerche fatte, aveva la capacità di ospitare fino a 6.000 persone.

“Aveva anche un presunto complesso dove venivano conservati documenti, manufatti e tesori antichi”.

LA LEGGENDA DEL POPOLO DELLE LUCERTOLE


Il capo tribù gli raccontò dell’esistenza di un’antica razza chiamata il Popolo lucertola. La storia narra che circa 5.000 anni fa una pioggia di meteoriti cadde sulla costa occidentale. Oggi, se ne trova prova nel cratere di Winslow nel nord dell’Arizona.

Quel giorno morirono migliaia di persone. Migliaia di terre fertili e foreste sono andarono perdute. Una catastrofe senza precedenti.

I pochi sopravvissuti si sono riuniti sulla costa occidentale per elaborare un piano e costruire aree sicure. Tuttavia, le sentinelle nel cielo sono apparse e hanno detto loro che era ora di tornare ai rifugi sotterranei.

La città sotterranea dei rettili è stata scoperta a Los Angeles negli anni ’30 del secolo scorso, così il popolo lucertola ha chiuso il tunnel.

rettiliani

LA MAPPA E LA RICERCA DELLA CITTÀ DEI RETTILIANI

Il 21 febbraio 1933, ottennero il permesso dal Consiglio dei supervisori della contea di iniziare gli scavi. Ogni tesoro trovato doveva essere condiviso al 50% con la città di Los Angeles.

Shufelt era convinto che il labirinto fosse profondo circa 300 metri. Ma in realtà era costituita da una serie di 285 tunnel completamente attrezzati con vaste camere atte ad ospitare 1.000 famiglie, ma non solo, infatti al suo interno vi erano nascosti tesori preziosi.

La leggenda di questa città rettile racconta di come le sale custodivano le storiche tavolette d’oro. Contenevano importanti incisioni sulle origini dell’umanità. Queste compresse erano lunghe 1 metro e larghe 35 centimetri.

Shufelt tracciò il luogo ideale per scavare, poiché il suo dispositivo aveva individuato le zone vuote delle gallerie e le zone buie in cui era stato trovato l’oro.

Quando ha iniziato a scavare, l’acqua si era infiltrata in diverse gallerie. Anche allagando diverse stanze.

Il viaggio di entrambi i soggetti aveva raggiunto i media. All’inizio del febbraio 1934 uscirono i primi rapporti della “Terra perduta del popolo delle lucertole”.

A quel punto, erano stati scavati 100 metri in uno dei cinque pozzi che si stavano scavando contemporaneamente.

Tuttavia, quando c’è stata più attenzione sulla città sotterranea dei rettili, il progetto è stato interrotto da un momento all’altro. Lo scavo è stato abbandonato e il 5 marzo i pozzi sono stati nuovamente riempiti.

Shufelt continuò a risiedere a Los Angeles, scomparso nel novembre del ’57. Lasciò un’eredità che, nonostante le sue continue lotte legali, non riuscì mai a portare avanti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.