Il rover Curiosity trova segni di vita aliena su Marte

Curiosity Trova Segni Di Vita Aliena Su Marte

Curiosity Trova Segni Di Vita Aliena Su Marte? Siamo sempre più vicini al scoprire se siamo soli nell’universo. Ora, il rover Curiosity della NASA ha trovato segni di un tipo di carbonio che è associato a processi biologici simili a quelli sulla Terra. È interessante notare che pochi giorni fa gli scienziati hanno escluso la possibilità di vita extraterrestre su Marte, ma quest’ultima scoperta potrebbe indicare un passato biologicamente attivo, e anche ancora molto presente.

La caccia alla vita extraterrestre continua


I ricercatori cercano segni di vita su Marte dagli anni ’70, quando le missioni Viking trovarono prove che sembravano indicare che ci fosse effettivamente vita attiva sul pianeta rosso, un risultato che rimane ancora oggi controverso. Da allora, diverse missioni di ricerca hanno ipotizzato un passato biologico di Marte, che include un lungo periodo nel quale era abitabile.

Ora, il team del rover Curiosity ha suscitato scalpore nella comunità scientifica mettendo in dubbio l’opinione di quelli che avevano scartato l’esistenza della vita su Marte. Potrebbe anche aiutare il rover Perseverance a cercare la vita su Marte, mentre attira l’attenzione dei ricercatori SETI.

Isotopo del carbonio associato alla vita

Secondo una dichiarazione della NASA sulla nuova scoperta, il carbonio è particolarmente importante perché questo elemento si trova in tutta la vita sulla Terra; scorre continuamente attraverso l’aria, l’acqua e il suolo in un ciclo che è ben compreso grazie alle misure isotopiche.
Per esempio, gli esseri viventi sulla Terra usano l’atomo di carbonio 12 più piccolo e leggero per metabolizzare il cibo o per la fotosintesi, rispetto all’atomo di carbonio 13 più pesante. Così, un numero significativamente maggiore di carbonio 12 rispetto al carbonio 13 nelle rocce antiche, insieme ad altre prove, suggerisce che gli scienziati stanno cercando le firme della chimica legata alla vita.

“Guardare il rapporto di questi due isotopi di carbonio aiuta gli scienziati della Terra a sapere che tipo di vita stanno osservando e l’ambiente in cui viveva”, aggiunge la NASA nella stessa dichiarazione.

Naturalmente, questi risultati si sono verificati su Marte, non sulla Terra, e i ricercatori dicono che c’è ancora molto che non sappiamo sul ciclo del carbonio su Marte.

vita aliena su marte

“Stiamo trovando cose su Marte che sono stuzzicanti, ma avremmo davvero bisogno di più prove per dire che abbiamo identificato la vita”, ha detto Paul Mahaffy, ricercatore principale del laboratorio chimico Sample Analysis at Mars (SAM) installato sul rover Curiosity fino al suo ritiro nel dicembre 2021. “Quindi stiamo cercando cos’altro potrebbe aver causato la firma di carbonio che stiamo vedendo, se non la vita”.

I risultati pubblicati dal team propongono in realtà tre diversi scenari che potrebbero spiegare l’eccesso di carbonio 12 trovato da Curiosity. Un processo naturale coinvolge l’interazione dell’anidride carbonica gassosa nell’atmosfera marziana con la luce ultravioletta, con il risultato di molecole contenenti carbonio che si depositano sulla superficie del pianeta.

La seconda opzione, non biologica, dice che il carbonio trovato da Curiosity potrebbe essere stato lasciato su Marte centinaia di milioni di anni prima, quando il sistema solare è passato attraverso una nube molecolare gigante ricca di quel particolare tipo di carbonio, un evento che i ricercatori descrivono come “raro”. Naturalmente, il terzo e più stuzzicante processo per il carbonio 12 proposto dai ricercatori coinvolge l’attività della vita biologica. E come notato, quando il carbonio 12 si trova a questi livelli sulla Terra, la causa è la biologia.

“Sulla Terra, i processi che produrrebbero il segnale di carbonio che stiamo rilevando su Marte sono biologici”, ha spiegato Christopher House, uno scienziato della Penn State University in Pennsylvania che ha guidato lo studio del carbonio del rover. “Dobbiamo capire se la stessa spiegazione funziona per Marte o se ci sono altre spiegazioni, perché Marte è molto diverso. Tutte e tre le spiegazioni si adattano ai dati. Abbiamo solo bisogno di più dati per escluderli”.

Esistono altre spiegazioni, anche se la vita rimane la prima possibilità.
Le missioni future sperano di riempire più di questi spazi vuoti nella storia di Marte, in particolare il suo ciclo del carbonio, compresa una proposta di missione di ritorno del campione che porterebbe campioni già raccolti dal rover Perseverance sulla Terra per ulteriori studi.

“Definire il ciclo del carbonio su Marte è assolutamente fondamentale per cercare di capire come la vita potrebbe inserirsi in quel ciclo”, ha aggiunto Andrew Steele, scienziato di Curiosity e fellow alla Carnegie Institution di Washington D. C. “Lo abbiamo fatto con molto successo sulla Terra, ma stiamo appena iniziando a definire quel ciclo per Marte”.

L’astrobiologa Jennifer L. Eigenbrode, che ha partecipato allo studio sul carbonio, dice che la cosa più difficile è mettere da parte la Terra e mettere da parte quel pregiudizio che abbiamo e cercare davvero di entrare nei fondamenti della chimica, della fisica e dei processi ambientali su Marte. Riconosce anche che “dobbiamo aprire le nostre menti” alla possibilità di vita extraterrestre su Marte.

Di Ufologianews

vita su Marte
Comments (0)
Add Comment