Avvistamento Ufo: quando 21 UFO invasero lo spazio aereo brasiliano

Avvistamento Ufo

Avvistamento Ufo– Era il 19 maggio del1986 quando gli avvistamenti fatti dal controllore di volo Sergio Mota entrarono nella storia dell’ufologia come “La notte ufficiale degli UFO“.

Quel lunedì notte, 21 oggetti volanti non identificati, alcuni dei quali fino a 100 metri di diametro, sono stati avvistati da decine di testimoni, sia civili che militari, in quattro stati: San Paolo, Rio de Janeiro, Minas Gerais e Goiás. Solo nella parte interna dello stato di San Paolo, si sono registrati avvistamenti a Caçapava, Taubaté e Mogi das Cruzes.

A Guaratinguetá, sempre nello stato di San Paolo, l’avvistamento è stato collettivo, secondo l’ufologo Edison Boaventura Júnior, presidente del Gruppo Ufologico Guarujá .

“Intorno alle ore 20:00, circa duemila soldati, tra cadetti e ufficiali, della Scuola di Specializzazione Aeronautica (EEAR), hanno assistito al fenomeno, a occhio nudo.

Gli avvistamenti ufo riportato dai piloti

Il Centro operativo di difesa aerea (CODA) ha schierato cinque jet da combattimento della Forza aerea brasiliana (FAB) per intercettare i possibili invasori.

Secondo i piloti, i punti multicolori sono riusciti, tra le altre manovre, a fluttuare staticamente nel cielo, volare a zig zag, girare ad angolo retto, cambiare colore, traiettoria e altitudine, e raggiungere velocità fino a 15 volte la velocità del suono.

Il numero degli oggetti visti quella notte erano più alti di 21

” In alcuni casi, i piloti hanno avuto un contatto visivo con gli oggetti, ma i radar non hanno registrato nulla. Altre volte, i radar hanno anche rilevato la presenza degli oggetti, ma i piloti non potevano vederli. L’aviazione ha considerato solo gli avvistamenti in cui c’era una conferma simultanea. Il resto è stato scartato”

A Sao José dos Campos, nello stato di San Paolo, la “Notte ufficiale degli UFO” è iniziata intorno alle 20:00, quando il sergente Sergio Mota da Silva ha iniziato a gestire il decollo del volo 703 della compagnia aerea Rio Sul, diretto a Rio de Janeiro.

Fu allora che vide una strana luce, simile a un faro che si ergeva nel cielo.

Incuriosito, ha chiamato la torre dell’aeroporto internazionale di Guarulhos per controllare se un aereo era diretto a Sao José dos Campos. La risposta fu negativa.

Mentre parlavano, l’oggetto scomparve e dopo un po’ riapparve con un bagliore ancora più intenso. Sergio tirò fuori un binocolo per vedere meglio. Era luminoso e multicolore, ricorda.

A un certo punto, il sergente ha abbassato le luci della pista dell’aeroporto e gli oggetti non identificati si sono avvicinati. Quando la luminosità è aumentata, si sono allontanati.

“Se stessero cercando di interagire con me, non lo so. Quello che so è che si sono comportati in modo intelligente”, disse il Sergente.

Panico a bordo
Almeno tre aerei hanno segnalato avvistamenti quella notte. Il primo era un modello Bandeirante, della compagnia aerea TAM, che era in viaggio da Londrina, nello stato di Paraná, alla città di San Paolo.

Il pilota ha anche informato il Centro di Controllo d’Area di Brasilia (ACC-BS) che c’era un aereo che si avvicinava a lui, in apparente rotta di collisione.

Il secondo, da Transbrasil, ha anche rilevato un UFO sopra la regione di Araxá, nell’interno del Minas Gerais.

Il terzo e ultimo era un bimotore Xingu, prefisso PT-MBZ, di ritorno da Brasilia a Sao José dos Campos.

A bordo c’era il colonnello Ozires Silva, che stava tornando da una riunione con il presidente della Repubblica, José Sarney, e il suo copilota, Alcir Pereira da Silva.

avvistamenti ufo

Alle 21:04 Sergio contattò il pilota del bimotore e gli chiese se avesse visto “qualcosa di strano nell’aria”. Sul radar, il controllore aveva rilevato tre UFO sopra Sao José dos Campos.

Quando ha avvertito che avrebbe tentato di manovrare per avvicinarsi al bersaglio, descritto come un “punto luminoso” e “molto enorme”, Ozires ha sentito Alcir dire, visibilmente terrorizzato: “Sai che tutti quelli che tentano una cosa del genere finiscono per scomparire?”.

Questa volta fu la luce misteriosa a scomparire, con sollievo del copilota. È svanito non appena il pilota ha iniziato a manovrare l’aereo.

Il giorno dopo, Ozires Silva ha prestato giuramento come nuovo presidente di Petrobras, la compagnia petrolifera statale. Alla conferenza stampa, non un solo giornalista si è ricordato di chiedere qualcosa sul petrolio. Tutti volevano sapere solo dei dischi volanti.

Ma Ozires Silva ha rifiutato di commentare l’episodio.

“La notte ufficiale degli UFO è uno dei casi più importanti dell’ufologia mondiale. È il caso del maggior numero di testimoni del pianeta”, spiega l’ufologo Jackson Luiz Camargo, autore del libro “La notte ufficiale degli UFO in Brasile”, pubblicato nel 2021.

“Non definirei quello che è successo come un’invasione. In nessun momento c’è stato un comportamento ostile da parte delle intelligenze che operano questi dispositivi”, chiarisce.

La verità è là fuori


Quella notte lavorava anche il fotoreporter Adenir Britto. Verso le 21:00, ha preso una chiamata alla redazione del suo giornale, il defunto Vale Paraibano.

“C’è un disco volante sopra il giornale”, disse una voce maschile. Britto pensò che fosse uno scherzo. Ma per sicurezza, lui e la reporter Iara de Carvalho hanno deciso di indagare.

Nel cortile del giornale hanno visto luci multicolori che si muovevano in tutte le direzioni. Armato di una Nikon, con un teleobiettivo da 500 mm e una pellicola ASA 6400, ha scattato alcune foto.

“Tra la sorpresa e l’eccitazione ho registrato quel momento. Non ho più visto niente del genere. Quell’apparizione non svanirà mai dalla mia memoria”, dice Britto.

Un mese dopo, due funzionari del Centro Tecnico Aerospaziale (ATC), accompagnati dall’ufologo americano James J. Hurtak, andarono in redazione e chiesero al caporedattore i negativi delle foto.

Il materiale, ha spiegato Hurtak, sarà analizzato dalla NASA, l’agenzia spaziale statunitense. Trentasei anni dopo, non è mai stato restituito.

“A quale conclusione sono arrivato? Beh, io credo che questi oggetti venissero davvero dallo “spazio esterno”. E, secondo me, stavano monitorando installazioni militari e industriali in Brasile”, osserva Hurtak.

Oltre la velocità del suono
Uno degli operatori del Centro Operativo Militare (COpM) ha addirittura preso in considerazione l’ipotesi che i manufatti osservati dal tenente Marinho fossero, in realtà, degli aerei spia. In un rapporto, il pilota ha chiesto un’indagine sulla presenza di portaerei battenti bandiera straniera al largo della costa brasiliana. Non è stato trovato nulla.

Il capitano Jordao stava conducendo ricerche visive nella regione di Sao Jose dos Campos quando, alle 2259, il suo controllore di volo, il sergente Nelson, lo informò che c’erano “numerosi traffici entro sei ore dal suo aereo”. Nel linguaggio militare, questo significa che gli oggetti volavano dietro di lui.

Il pilota fece una manovra di 180° nel tentativo di visualizzare i suoi inseguitori, ma non riuscì a vedere nulla. Secondo le immagini radar, 13 UFO, sette da un lato e sei dall’altro, “scortavano” l’F-5 del capitano Jordao.

Non siamo soli

Il 23 maggio 1986, alle 16:30, l’allora ministro dell’Aeronautica, il brigadiere Octávio Júlio Moreira Lima, convocò una conferenza stampa per riferire che cinque aerei da combattimento FAB avevano inseguito 21 UFO.

“Non si tratta di credere o no (in esseri extraterrestri o dischi volanti). Possiamo solo dare informazioni tecniche. Ci sono varie ipotesi. Tecnicamente, direi che non abbiamo spiegazioni”, ha detto il brigadiere all’epoca.

Alla fine della conferenza stampa, alla quale hanno partecipato i cinque piloti FAB e i controllori di volo che erano in servizio quella notte, il ministro dell’Aeronautica ha dichiarato che l’episodio sarebbe stato oggetto di indagine e che un rapporto completo sarebbe stato pubblicato entro 30 giorni.

Solo 23 anni dopo, il 25 settembre 2009, è stato pubblicato un rapporto sul caso, firmato dal Comandante ad interim delle Forze aeree (COMDA), José Pessoa Cavalcanti de Albuquerque, e datato 2 giugno 1986.

“Come conclusione dei fatti costanti osservati in quasi tutte le presentazioni, questo Comando è dell’opinione che i fenomeni sono solidi e riflettono, in un certo modo, l’intelligenza, per la capacità di seguire e mantenere la distanza dagli osservatori, oltre a volare in formazione, non necessariamente con equipaggio”, dice il documento.

In generale, i rapporti sul caso sono inconcludenti. Nessuno può dire con certezza cosa è successo la notte del 19 maggio 1986. Certamente, nessuno esclude l’ipotesi di vita intelligente su altri pianeti.

“Gli esseri umani sono molto presuntuosi. Pensiamo di possedere l’universo”, ha detto il colonnello Ozires Silva al programma 95 On-Line sulla radio 95.7 FM di Curitiba nel 2014.

In una dichiarazione, l’Air Force ha informato che tutto il materiale disponibile sugli UFO è già stato inviato agli archivi nazionali. L’Archivio non dispone di professionisti specializzati per effettuare ricerche scientifiche o emettere un parere su questo tipo di fenomeni aerei.

Attualmente, la collezione di documenti UFO è la seconda collezione più visitata negli archivi nazionali. È superato solo dagli archivi della dittatura militare.

Il materiale copre un periodo di 64 anni e va dal 1952, quando due reporter dell’ormai defunta rivista O Cruzeiro rilevarono un UFO che sorvolava Barra da Tijuca, a Rio de Janeiro, al 2016, quando un pilota della FAB segnalò un presunto avvistamento.

Di ufologianews

avvistamenti ufo
Comments (0)
Add Comment